Hubble mon amour

Giusto perchè non riesco a smettere di pensarci. Qui di seguito Hubble e alcune immagini che nel tempo ci ha regalato. Come sia possibile pensare che Dio non esiste guardando certe cose resta per me un mistero, ma sorvoliamo. Tutte le immagini vengono da Wikimedia Commons (thank you Wiki, I love you). Enjoy!

hubble.jpg
Il telescopio del mio cuore. Per la cronaca, Hubble era uno scienziato, quello che ha enunciato l’omonima legge: z = H0 D/c cioè tanto maggiore è la distanza della galassia e tanto maggiore sarà il suo redshift.
 
Antennae_Galaxies.jpg
Antennae galaxies, deve il suo nome al braccio a forma di antenna che protrude dal centro. E’ una collisione tra due galassie a spirale iniziata milioni di anni fa, da cui sono nate bilioni di nuove stelle e super star clusters. Scusate, sono commossa, vado a cercare un fazzoletto.
 
Three_Red_Spots_Mix_it_Up_on_Jupiter.jpg
La grande macchia rossa di Giove, con due macchie più piccole, una delle quali entra a far parte di quella grossa. Probabilmente è così che la macchia si è mantenuta in salute negli ultimi 150 anni, fagocitando macchie più piccole…
 
Quasar_3C_273.jpg

Quasar 3C 273. Sembra una caccola visto così, ma non fatevi ingannare: è solo lontanissimo. I quasar sono uno degli oggetti astronomici più impressionanti e spaventosi che ci siano là fuori, oltre che i più luminosi in assoluto mai osservati. Pare che al centro di ogni quasar ci sia un supermassive black hole, in cui cadono gas e polveri. Da cui la luminosità incredibile.
 
CentaurusA2.jpg

Disco di polveri di fronte al nucleo di NGC 512.
 
Eta_Carinae_Nebula_1.jpg
La nebulosa Eta Carinae in “falsi colori” che servono a distinguere gli elementi gli uni dagli altri. Rosso per lo zolfo, verde per l’idrogeno e blu per l’ossigeno. L’immagine risulta dalla composizione di 48 foto più piccole e copre 50 anni luce (‘sticazzi).
 
galasiavortice.jpg
La Galassia vortice, una classica galassia a spirale che si trova nella costellazione dei Cani da Caccia (mai sentita prima).
 
642px-M51_whirlpool_galaxy_black_hole.jpg
Il buco nero al centro della galassia whirlpool M51. La x è data da polvere scura in shilouette rispetto al nucleo attivo.
 
stellavariabile.jpg

 L’aura luminosa attorno alla stella V838 Monocerotis che a gennaio 2002 divenne 600.000 volte più luminosa del sole. Così, da un momento all’altro, bang. Mah.

 
 Eagle_nebula_pillars.jpg
Concludo con quest’immagine degli Eagle Nebula Pillars, incubatrici di polvere e idrogeno dove nascono nuove stelle.
Hubble mon amourultima modifica: 2009-02-03T09:30:00+00:00da panbox
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Hubble mon amour

Lascia un commento