Spremuta

Stiamo per portare uno dei gattini, Mapo, dal veterinario. Gli dobbiamo far spremere il culo. Vernacolare dirlo così, senza dubbio, ma vero. Il dolce batuffolino di pelo ricciuto stamattina ha onorato la cassettina della sua augusta presenza. Ha fatto quel che doveva, poi è uscito, è venuto da me, ha posato il culetto per terra e ha arabescato il pavimento … Continua a leggere

Latitanza

Latito. Ne sono consapevole. A mia discolpa addurrò le seguenti motivazioni: sono -stranamente- molto ispirata, quindi sto scrivendo e non altro tempo libero. E non ho novità significative di cui mettervi al corrente. Ah, no, un momento. Una cosa da dirvi ce l’ho. Ho iniziato a leggere Afterdark di Murakami. Molto, molto bello. Murakami sensei -sigh- scrivi presto qualcos’altro. Ma … Continua a leggere

Vicinanza

I nostri vicini hanno traslocato. Purtroppo non quelli con la puzza sotto il naso, gli altri, quelli simpatici. Al posto loro è arrivata una famiglia che sembra la metà oscura di quella che se n’è andata. Se non abbiamo capito male sono in tre anche loro, ma invece che risultare inudibili, discreti e modesti non fanno altro che urlare. Non … Continua a leggere

La Cesira, ovvero come complicarsi la vita con la pasta madre

Capitolo 5 signore e signori! Alè! Botti, frizzi, lazzi, giro di bevute gratis, ecc. Sì, lo so, la mia lentezza uguaglia quella dei movimenti della crosta terrestre, ormai me ne sono fatta una ragione. O così o niente quindi amen. Il quanto capitolo si è chiuso gloriosamente e ne vado particolarmente fiera. Amo il mio cattivo, è proprio divertente. Al … Continua a leggere

Il colore della magia

Looooost! Sta per ricominciare, già ne sento tutti gli effetti. Se la TV al plasma che sant’uomo aveva ordinato on line fosse arrivata integra potemmo vederlo su non so più quanti pollici di splendore tecnologico. Disgraziatamente il televisore ci è giunto in frantumi e quindi niente da fare. Comunque ci consoliamo. Adesso abbiamo Sky (ce l’hanno regalato a Natale) e … Continua a leggere

Igiene dell’assassino

Che cos’è una litote? Eh, adesso io lo so. Adesso. Ma mentre leggevo Igiene dell’assassino no. La Nothomb ha un lessico un po’ troppo ricco e aulico per me. Il libro comunque è molto bello, originale e ironico. Ci sono suspance, dialettica, un finale inaspettato (e non proprio lieto, diciamocelo) e personaggi incredibili in molti sensi. Consigliato a menti sveglie, … Continua a leggere

Tiffany, quel che resta del giorno e la luna nera… ops, nuova.

Le donne al volante sono delle maledette stregne. Dicasi stregna la donna che quando potrebbe farti una gentilezza, tipo se tu arrivi da una laterale sulla via principale intasata di traffico lasciarti immettere davanti a lei invece che piantare la sua fiancata davanti a te per tempi geologici, ti guarda, stringe il volante come se fosse un salvagente durante l’affondamento … Continua a leggere